Recent Reviews

 

 "La voce di un popolo intero, radicata nella più profonda tradizione musicale americana e idealmente rappresentata da quella del baritono Lester Lynch, che si fa appunto letteralmente “portavoce” del grande repertorio degli spirituals, le cui origini più antiche risalgono a secoli lontani. «Un eccezionale patrimonio spirituale nazionale e il più grande dono del popolo afro-americano agli Stati Uniti», lo ha definito il cantante, che nel cd On my journey now ha raccolto una significativa e affascinante antologia di 25 tra canzoni dei tempi della schiavitù e del lavoro nelle piantagioni, inni biblici e religiosi, di speranza e libertà. Titoli come il celeberrimo Nobody knows the trouble I've seen, Deep river, Ain't-a that Good News, Joshua fought the Battle of Jericho, ma anche brani dalla più marcata impronta spirituale, da Go down Moses (in cui i lavoratori oppressi lungo le rive del fiume Mississippi si paragonano agli Israeliti in Egitto) a My Lord what a morning, da Give me Jesus give me Jesus alla splendida Amazing Grace, scritta nel XVIII secolo da un ex mercante di schiavi pentito e convertito. Lynch è un artista che ha cantato con le migliori orchestre del mondo, dai Berliner Philharmoniker alla New York Philharmonic, e in Italia è stato tra i protagonisti del Porgy and Bess di Gershwin andato in scena nel 2016 al Teatro alla Scala di Milano. Il suo timbro è caldo e profondo, a tratti un po' troppo sbilanciato verso impostazioni da melodramma, ma riesce a esprimere in modo autentico la carica e l'intensità emotiva, il messaggio provocatorio ed edificante, l'immediatezza e la semplicità di questi brani, di cui ha anche scritto gli arrangiamenti e nei quali riconosce un valore di grande attualità: «Queste canzoni hanno avuto un profondo effetto sulla storia americana e io le interpreto per onorare coloro che hanno lottato (e sono morti) per la libertà; è mia speranza che possano far rinascere nuovamente la luce della libertà e della fede per ogni ascoltatore»."  -Andrea Milanesi   Avvenire Italy (April 2018)

"La voce di un popolo intero, radicata nella più profonda tradizione musicale americana e idealmente rappresentata da quella del baritono Lester Lynch, che si fa appunto letteralmente “portavoce” del grande repertorio degli spirituals, le cui origini più antiche risalgono a secoli lontani. «Un eccezionale patrimonio spirituale nazionale e il più grande dono del popolo afro-americano agli Stati Uniti», lo ha definito il cantante, che nel cd On my journey now ha raccolto una significativa e affascinante antologia di 25 tra canzoni dei tempi della schiavitù e del lavoro nelle piantagioni, inni biblici e religiosi, di speranza e libertà.
Titoli come il celeberrimo Nobody knows the trouble I've seen, Deep river, Ain't-a that Good News, Joshua fought the Battle of Jericho, ma anche brani dalla più marcata impronta spirituale, da Go down Moses (in cui i lavoratori oppressi lungo le rive del fiume Mississippi si paragonano agli Israeliti in Egitto) a My Lord what a morning, da Give me Jesus give me Jesus alla splendida Amazing Grace, scritta nel XVIII secolo da un ex mercante di schiavi pentito e convertito.
Lynch è un artista che ha cantato con le migliori orchestre del mondo, dai Berliner Philharmoniker alla New York Philharmonic, e in Italia è stato tra i protagonisti del Porgy and Bess di Gershwin andato in scena nel 2016 al Teatro alla Scala di Milano. Il suo timbro è caldo e profondo, a tratti un po' troppo sbilanciato verso impostazioni da melodramma, ma riesce a esprimere in modo autentico la carica e l'intensità emotiva, il messaggio provocatorio ed edificante, l'immediatezza e la semplicità di questi brani, di cui ha anche scritto gli arrangiamenti e nei quali riconosce un valore di grande attualità: «Queste canzoni hanno avuto un profondo effetto sulla storia americana e io le interpreto per onorare coloro che hanno lottato (e sono morti) per la libertà; è mia speranza che possano far rinascere nuovamente la luce della libertà e della fede per ogni ascoltatore»."

-Andrea Milanesi

Avvenire Italy (April 2018)

 “Lynch’s rich baritone and vivid acting realises a compelling Shylock, his ‘Hath not a Jew eyes?’ stilled the auditorium.”   ~The Guardian 

“Lynch’s rich baritone and vivid acting realises a compelling Shylock, his ‘Hath not a Jew eyes?’ stilled the auditorium.”

 ~The Guardian 

 (Opera News), Lester Lynch plays Porgy; soprano Alyson Cambridge, whose performances are “radiant, vocally assured, dramatically subtle and compelling, and artistically imaginative” -2016

(Opera News), Lester Lynch plays Porgy; soprano Alyson Cambridge, whose performances are “radiant, vocally assured, dramatically subtle and compelling, and artistically imaginative” -2016

 ‘Porgy and Bess,’ a Spoleto Festival USA Homecoming By JAMES R. OESTREICHMAY 29, 2016  "Standout performers were many: Lester Lynch as Porgy, the sturdy cripple, and Alyson Cambridge as Bess, the warmhearted (and here, warm-voiced) prostitute he loves; Courtney Johnson as Clara (who sang an ethereal “Summertime”); Victor Ryan Robertson, as Sportin’ Life, the “happy dust” dealer; and Eric Greene as Crown, Bess’s current lover, in a menacing portrayal. So menacing, in fact, that there were pockets of applause when Porgy broke Crown’s neck."

‘Porgy and Bess,’ a Spoleto Festival USA Homecoming
By JAMES R. OESTREICHMAY 29, 2016

"Standout performers were many: Lester Lynch as Porgy, the sturdy cripple, and Alyson Cambridge as Bess, the warmhearted (and here, warm-voiced) prostitute he loves; Courtney Johnson as Clara (who sang an ethereal “Summertime”); Victor Ryan Robertson, as Sportin’ Life, the “happy dust” dealer; and Eric Greene as Crown, Bess’s current lover, in a menacing portrayal. So menacing, in fact, that there were pockets of applause when Porgy broke Crown’s neck."

operanews.jpg

 

"If it starts to sound like Falstaff is eclipsed by some of the surrounding players in this opera (Gordon Getty's PlumJack), it's certainly through no fault of Lester Lynch and his impressive, appropriately weighty baritone."

                                                                                                                                                                  Opera News

                                                                            ______________

" Lester Lynch was a pleasure to hear as Lescaut. Mr. Lynch has a ravishing, rolling baritone with power to spare, and excellent hook-up from top to bottom. His assured vocalizing was impressive and welcome."

                                                                                                                                                                   Opera Today

                                                                             ______________

"Lester Lynch gave a great performance as Amonasro, Ethiopia's king and Aida's father. He was so commanding a presence as a prisoner of war in the Triumphal Scene it was surprising no one suspected he was no ordinary prisoner."

                                                                                                                                   The Pittsburgh Tribune - Review

                                                                             ______________

"the American baritone Lester Lynch intones the Herald's pronouncements with clarion conviction."

                                                                                                                                                      The Chicago Tribune

                                                                             ______________

"Lester Lynch's Crown had all the belligerent and menacing qualities of a town bully and a big baritone voice to match."

                                             The Washington Post

                                                                              ______________

"The young baritone Lester Lynch brought impeccable English diction and a powerful voice to Copland’s arrangements of the American songs “Simple Gifts” and “Zion’s Walls.”

                                                                                                                                                      The New York Times